Il dramma di Alvaro Vitali: “Ho girato centocinquanta film, ma vivo con mille euro di pensione al mese”

Loading...

“Sono spariti tutti”. Alvaro Vitali, è tornato sotto i riflettori ed ha raccontato il dramma che sta vivendo.

L’attore, noto a tutti come Pierino, non ha mai nascosto di essere caduto in depressione perché nessuno lo chiama più a lavorare. La sua carriera è iniziata quando aveva solo 17 anni con Federico Fellini ma dopo il tanto successo è rimasto fermo per dieci anni, e tutt’ora, rimpiange questa scelta. È stato emarginato dal mondo del cinema, non usciva più di casa per la depressione e non gli andava più di parlare con la gente. Tutto gli dava fastidio.

Il dramma di Alvaro Vitali: Ho girato centocinquanta film, ma vivo con mille euro di pensione al mese L’indimenticabile Pierino non ha mai fatto mistero del triste dramma che sta attraversando nella sua vita.

Oggi Alvaro Vitali lavora un po’ con sua moglie Stefania. Insieme si esibiscono nei ristoranti, in occasione di matrimoni e feste di compleanno. L’ormai storico Pierino ha confessato che, in questa sua nuova vita, gli manca il pubblico che gli è sempre stato vicino. “Mi manca la gente che mi chiama che mi chiede la fotografia e l’autografo. Vorrei stare sempre con loro”.

Il dramma di Alvaro Vitali:Ho girato centocinquanta film, ma vivo con mille euro di pensione al mese Alvaro Vitali è conosciuto da tutti per aver interpretato Pierino al cinema. Ma, ad oggi, le condizioni sono tutt’altro che floride: “Il mio telefono smise di squillare nel 1983, esattamente dopo che avevo girato uno dei miei maggiori successi: il film Paulo Roberto Cotechino centravanti di sfondamento. Ecco, il mio cono d’ombra mi avvolse il giorno stesso in cui quel film uscì nelle sale”.

L’attore dopo un periodo di fama e successo, ha vissuto un momento difficile:

“Quando il mondo del cinema ha smesso improvvisante di chiamarmi, ricordo che andavo spesso ad alzare la cornetta per vedere se il telefono funzionava. Quando entrai nel cono d’ ombra della mia carriera, non mi bastò essere stato l’attore portafortuna di Fellini. Non mi bastò nemmeno avere fatto ridere milioni di italiani nei panni di Pierino. All’improvviso mi ritrovai fermo, senza nulla da fare. Stare con le mani in mano e senza un copione da leggere, senza una proposta da valutare, mi esasperò.

 

Andai di persona dal mio agente: gli chiesi di spronare i registi, i produttori, gli dissi che mi sarei reso disponibile a fare-anche piccoli ruoli Ma non servì a nulla. Non c’era più nulla per me e io non riuscivo a farmene una ragione. Tornai a casa, chiusi la porta dietro le mie spalle: per due anni non uscii e non volli vedere nessuno.”.

Dopo la fine del suo primo matrimonio, ha trovato l’amore con Stefania Corona, diventata sua moglie. L’attore è in pensione dal 2012 e prende poco più di mille euro al mese.

 

Secondo Alvaro, ha il diritto di prendere di più perché ha girato centocinquanta film di cui di una trentina non sono stati versati i contributi. Nonostante la delusione, accetta la sua situazione attuale: “Non fa niente, va bene così. Mi bastano per sopravvivere. Mio figlio l’anno scorso mi ha reso nonno e cerco di vedere mio nipote appena posso. Nel frattempo, per arrotondare, insieme con mia moglie porto in giro per l’Italia le scenette di cabaret che abbiamo scritto quando ci siamo fidanzanti, prima che io le chiedessi di diventare mia moglie”.

Loading...

FONTE : https://news.fidelityhouse.eu/notizie-curiose/il-dramma-di-alvaro-vitali-ho-girato-centocinquanta-film-ma-vivo-con-mille-euro-di-pensione-al-mese-337823.html/2?vers=de26f3030430203dd4739ab51371ba67

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.